Come avere un giardino perfetto

Avere un bel giardino curato sia in estate che in inverno, offre delle emozioni uniche, infondendo non soltanto gioia, ma anche un grande senso di serenità a tutti gli osservatori. In entrambe le stagioni si possono ottenere buoni risultati, basta tener presente alcune regole basilari che vanno dalla preparazione del terreno, all’acquisto delle piante più adatte sia al clima che alla conformazione del terreno che le ospiterà.
Sia d’estate che d’inverno gli appassionati di giardinaggio iniziano a preparare il terreno per ricevere semi, piantine, bulbi che ben presto forniranno con il loro caleidoscopio di colori e profumi inebrianti un piacere sia ai nostri sensi che a quelli degli eventuali osservatori.

Nell’articolo odierno vi daremo alcuni suggerimenti per avere un giardino sempre in ordine. Buona lettura!

Utili consigli per un giardino al top

La prima tappa per poter ottenere un buon risultato in giardino è quello di preparare il terreno con un buon terriccio, prima di tutto areandolo, inoltre se avete a disposizione della cenere di legna riuscirete anche a concimare e render il terreno più adatto a ricevere le vostre piantine.

Il giardino d’inverno offre tinte che declinano il giallo in mille sfumature. Ci sono i crochi più precoci, a partire da fine gennaio, uniti ai minuscoli iris che si presentano con il loro giallo intenso. Si possono scoprire anche Hamamelis virginiane che ben si accompagnano con le conifere sempre verdi. Piano piano si esce dall’inverno accompagnati da altri fiori gialli, come forsizie e primule ambasciatrici dell’atteso ritorno della primavera. Con il timido sole di gennaio inizierà così a spuntare la timida viola, una pianta facile anche per i principianti, bellissima per tutti coloro volessero allestire piccoli bouquet e inoltre versatili per chi sa osare in cucina.

La viola mammola predilige il sottobosco, una zone ombrosa, dove si vedono spuntare i timidi fiori tra le foglie accartocciate. La viola ama terreni fertili e freschi, senza ristagni di acqua, facile da coltivare sia in vaso che su piccole rocce, fornendo dei veri e propri punti di colore. I bulbi di Crocus producono fiori di un viola intenso che colorano il giardino tra gennaio e febbraio, poichè tendono ad infittirsi, è necessario mettere dei bastoncini nel terreno, così quando i bulbi saranno a riposo verso giugno, potranno essere estratti con facilità e dividerli in base alla loro dimensione. E’ importante riporli in un luogo buio e asciutto, per poi metterli di nuovo a dimora nel mese di settembre.

Il giardino in estate

Se l’inverno regala fioriture più discrete, durante l’estate ci si può sbizzarrire nei vari colori, nelle forme e nelle dimensioni. Essendo il sole il protagonista assoluto della stagione estiva, è necessario progettare la messa a dimora dei vari fiori, rispettando la posizione di ognuno in modo da avere risultati ottimali. Alcune piante meglio sopportano e si adattano a queste temperature estreme, sopportando impassibili sotto il sole e fornendo al vostro giardino un tocco esotico. Le succulente, meglio conosciute come piante grasse, con le loro foglie coriacee sono delle vere e proprie campionesse di resistenza della calura estiva. Basta pensare all’ agave che in giardino non passa inosservata, può essere coltivata anche in vaso, rigorosamente in terracotta, con terriccio leggero e ben drenato.

Approfondimenti: Recensione tagliaerba Perfect Grass

Un’altra pianta di facile coltivazione è senza dubbio la canna da fiore, l’importante è posizionarla in una zona assolata e annaffiarla spesso. Se ne trovano in commercio di svariati colori, dal rosso al giallo, all’arancio, basterà però ricordarsi di eliminare tutti i fiori secchi, in modo da prolungare la fioritura fino in autunno inoltrato.
Bisogna fare buone scelte per poter risparmiare innaffiature, prediligendo arbusti e perenni rustici, in grado di resistere anche in condizioni di grande aridità, come ad esempio l’elicriso, la lantana, le portulache e le varie margheritone; glicine e gelsomino, specie molto decorative che sanno offrire uno spettacolo davvero bello con le loro cascate di colori.

E’ comunque sempre molto importante preparare accuratamente il terreno per poter avere un buon risultato, è necessario lavorarlo bene, aggiungendo sostanze nutritive, come il letame ben maturo o concimi a lenta cessione per fornire il giusto apporto nutritivo alle piante durante tutto il periodo della fioritura.
Uno dei problemi da dover affrontare in giardino è la lotta contro eventuali insetti infestanti che inevitabilmente vi faranno capolino, molto spesso il loro arrivo è la diretta conseguenza del clima caldo umido che ne favorisce la proliferazione.

Molto importante è osservare le piante per capire se hanno veramente bisogno d’acqua, oppure riescono a fare da sole; attenti anche ai venti caldi estivi che rendono il terreno secco, non permettendo la penetrazione dell’acqua, quindi è necessario bagnare a pioggia leggera o a goccia per evitare shock termici. Non bagnare mai i fusti e le foglie, perché se inumiditi perdono la capacità di protezione, diventando facilmente vulnerabili agli attacchi di eventuali parassiti e malattie. Se si identifica l’infestazione è sempre meglio ricorrere a metodi meccanici e biologici, così per combattere afidi e altri insetti nocivi si può usare il sapone molle, tipo Marsiglia, preparando una soluzione di 4-5 litri di acqua mescolata a un cucchiaio di sapone che verrà irrorata sulle piante.

Una soluzione abbastanza efficace consiste nel rimuovere i rami malati o infestati con le forbici, oppure utilizzare insetti antagonisti come le coccinelle; inoltre le limacce e le lumache che convivono con le tenere foglie, devono essere rimosse manualmente per poter proteggere l’ambiente da antiparassitari chimici poco attenti alla salute dell’ambiente, già così tanto compromesso.

Conclusioni

Avere un bel giardino, è un bel passatempo che permette di esprimere al meglio il proprio talento con passione e dedizione, ottenendo ottimi risultati anche in virtù dell’esperienza che si acquisisce di anno in anno, facendo tesoro degli errori commessi e puntando sempre a risultati migliori nel tempo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*