Sei consigli per eliminare l’ansia dal trading

L’ ansia da prestazione per i traders è coniugabile in paura, fobie persistenti che possono sorgere in un operatore dovute ad un senso di obbligo sull’ aprire posizioni, questo è tanto più vero quando si parla di denaro reale, ma vale anche per la modalità demo.

Ci sono molte cause che portano a questo tipo di ansia e molte volte diventa così forte da portare il traders ad avere troppa paura da inibire l’ attrività.

La paura è un biglietto di sola andata per uscire fuori dai mercati e unirsi al 95% che non ce l’ha fatta. Questa paura può derivare da perdite pregresse, così grandi e traumatizzanti che un trader non può sopportare l’ idea di ripetere un errore del genere, con tutte le emozioni negative legate al fallimento precedente.

Un nuovo trader può anche scorgere un segnale di ingresso valido, ma spesso finisce per concentrarsi sulla perdita potenziale e di conseguenza trascurare il potenziale guadagno.

Un trader che ha paura di perdere non può operare, questo è un dato di fatto in quanto anche i migliori operatori trascorrono buona parte del loro tempo dalla parte sbagliata del mercato e si occupano principalmente di tagliare le perdite.

In realtà le perdite (buone) nel trading possono essere viste come delle lezioni nei primi anni e il costo all’interno di un sistema robusto di business come in ogni altro campo.

Le perdite (cattive) invece sono grandi e di solito sono il risultato di una cattiva gestione della propria attività, come non rispettare il piano, operare in condizioni non confortevoli, sgarrare sulla strategia, sperare di recuperare ecc.

Queste grandi perdite non solo fanno perdere troppi soldi, mettendo il trader in una situazione difficile da recuperare, ma possono avere anche delle ripercussioni più intime traumatizzando mentalmente ed emotivamente causando soprattutto una perdita di fiducia in se stessi e nel proprio sistema.

Il trading, più di qualsiasi altra attività è una questione mentale, per cui se i vostri pensieri non sono corretti, allora niente funzionerà. Se riuscite ad avere il controllo sulla mentalità, sui pensieri, nulla vi potrà fermare. Un trader deve avere la capacità di puntare al bersaglio e premere il grilletto al momento giusto. Dobbiamo accettare il rischio per raggiungere la ricompensa.

Ecco allora qualche suggerimento per raggiungere questo stato di particolare efficacia.

 

  • Un trader può avere la fiducia in un ingresso (aprire una posizione) solo dopo aver testato nel tempo la strategia di riferimento attraverso diversi ambienti di mercato, in modo da conoscere esattamente le probabilità di successo e le possibilità di fallimento. Capire come i mercati si sono comportati nel passato con quel pattern di prezzo può fornire all’ operatore il coraggio di cui ha bisogno per spingere il pulsante di invio sul bottone acquista.

 

  • Comprendere il livello dei prezzi in cui posizionare il vostro stop loss, materiale o virtuale, relativo alla singola operazione e quello temporale, ad esempio lo stop di giornata. Questo vi darà un ‘ idea delle dinamiche di rischio e ricompensa di un’attività. Ovviamente sarà più facile se il rischio risulterà inferiore rispetto alla potenziale ricompensa, ma anche semplicemente conoscere ante post (prima) i possibili risultati contribuirà ad una tranquillità generale nella propria attività, lasciando il giusto spazio all’ analisi sulle probabilità di successo delle singole opzioni, selezionando solo quelle che veramente si mostrano vantaggiose.

 

  • Strutturare il money management, il dimensionamento della tua posizione deve essere tale da non provocare scossoni sul conto nel caso le cose non andassero nel modo giusto. Ad esempio investire l’1% del capitale su ogni operazione eliminerà gran parte della paura di fallire.

 

  • L’urgenza e l’importanza di una qualsiasi operazione deve essere convertita nella tranquilla e sicurezza di sapere che l’operazione attuale è solo uno delle prossime cento. È possibile superare la maggior parte dell’ansia che si crea intorno al trading quando semplicemente acquisti contratti abbastanza piccoli tali da garantire che qualsiasi operazione o serie di operazioni non influenzerà il vostro successo di lungo termine.

 

  • Fare trading con ciò che si ha familiarità è fondamentale per mantenere lo stress basso. Utilizzate un modello grafico, un cambio valutario o un indice che avete scambiato per anni con i quali vi sentite a vostro agio. Molti traders soccombono nella caccia di operazioni in territori sconosciuti. Non potete ambire a guadagnare con futures, opzioni binarie, azioni, obbligazioni, forex spot ecc. Dedicatevi ai mercati e agli strumenti all’interno della vostra cerchia di competenza.

 

  • Un sacco di fiducia nelle proprie possibilità deriva dal avere un piano di trading dettagliato, conoscere con anticipo cosa fare e avere il coraggio di eseguire quel piano sul mercato. Sapendo che le vostre decisioni saranno basate sui fatti e su qualcosa di programmato, supportati dai numeri e dai dati, con la consapevolezza che non sarete spazzati via dal mercato a causa delle emozioni e dell’ego.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*